Pay per lead: raggiungere i clienti potenziali in modo efficiente

17 giugno 2009 at 21:39 Lascia un commento

La pubblicità su Internet si evolve continuamente in forme nuove e più efficienti per le aziende: dopo il tramonto dei banner ed, in generale, della pubblicità pagata ad “impression”, il pay per click sembrava essere il meccanismo in grado di targettizzare maggiormente le operazioni pubblicitarie sul web.

Ma ecco spuntare la naturale evoluzione del pay per click: il pay per lead. In Europa è un meccanismo di largo uso, mentre in Italia si stanno muovendo i primi passi adesso.

Pay per Lead: trovare clienti potenziali

Pay per Lead: trovare clienti potenziali

In pratica l’azienda paga per ricevere contatti di chi è interessato ai suoi prodotti o servizi. Il meccanismo si bassa sulla raccolta di informazioni provenienti da chi cerca determinati prodotti su Internet: i dati sensibili di utenti profilati che hanno ricercato su motori di ricerca o su siti specializzati informazioni specifiche su un prodotto di un’azienda, possono quindi essere acquistati da quest’ultima ed inserti direttamente nel suo CRM.

Questo consente una minore dispersione di risorse economiche ed una maggiore targetizzazione della comunicazione aziendale. Se si considera che nell’era del web 2.o la ricerca di informazioni su Internet per l’acquisto di prodotti e servizi è ormai una pratica abituale, si comprende le potenzialità di uno strumento del genere: soltanto in Italia 20 milioni di utenti cercano informazioni di prodotti su Google e cliccano le aziende che si posizionano in alto nei motori di ricerca.

La sfida consiste quindi nel creare dei “teaser” per il rilascio di dati sensibili (nome, cognome, e-mail e numero di cellulare in primis): in genere si tratta di iscrizione a servizi, download gratuiti di software ecc.  Ciascun contatto costa all’azienda da 1 euro, fino ad arrivare a 5/7 euro.

Ad es. Volvo ha recentemente attivato un’affiliazione pay per lead che remunera 3 euro per ogni prenotazione del Test Drive della nuovissima Volvo C70: siti web affini al mondo dei motori e/o per tipologia di target potranno partecipare al programma di affiliazione raccogliendo i dati dei clienti interessati.

Annunci

Entry filed under: Pubblicità online, Web Marketing. Tags: , , , , , .

SEO: i 10 errori più comuni Twitter: la rete contro la censura in Iran

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Questa sono io

Claudia Martino

Da Google a Dublino

Who’s that girl?

Nome: Claudia Martino
e-mail: info@claudiamartino.it
Chi sono

Per la replica dei contenuti di questo blog:

Creative Commons License

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: